FANDOM



.
DeathStar1-SWE
" Questa stazione è ora il potere ultimo dell'universo. Suggerisco di usarlo. "

- Ammiraglio Motti


La Morte Nera , conosciuta ufficialmente come   Stazione Orbitale da Battaglia DS-1 ( Death Star 1 ) , era una Stazione da Battaglia di enormi proporzioni, progettata e costruita dall'Impero Galattico per acquisire e mantenere il dominio sulla galassia .

Rappresentava l'ideologia del terrore e nello stesso tempo la fiducia incondizionata nel potere della tecnologia.

L' enorme struttura ospitava un super laser
Star good article
alimentato da enormi quantità di cristalli Kyber ; la sua potenza di fuoco era tale che poteva distruggere un pianeta con un solo colpo. La genesi dell'idea risaliva a migliaia di anni fa, al tempo delle guerre tra Impero Sith  e Repubblica Galattica ; quando furono costruite le prime Fortezze Spaziali, poi al tempo dell'Impero Eterno , furono costruite le Fortezze Stella , in grado di distruggere un pianeta.

Dopo la vittoria sui Sith , di tali fortezze si perse il ricordo e per migliaia di anni non se ne parlò più, se ne ricordavano i Sith però, infatti ancor prima dell'inizio delle Guerre dei Cloni , Darth Sidious , tramite il Conte Dooku , commissionò ai Geonosiani la progettazione e la costruzione della Stazione Orbitale da Battaglia DS.

Dopo la sconfitta della CSI, il progetto fu ripreso dal nascente Impero; la stazione fu costruita nell'orbita di Geonosis , appena furono montati e collaudati i motori, venne spostata da Geonosis a Scarif per il completamento, l'installazione dell'armamento e l'addestramento dell'equipaggio in vista dell'impiego operativo.

Quando l'Alleanza Ribelle , venne a conoscenza dell'esistenza e delle capacità della stazione, cercò di acquisire i piani costruttivi in modo da poter trovare eventuali punti deboli che ne facilitassero la distruzione. Un commando, guidato da Jyn Erso , riuscì nell'impresa riuscendo ad impossessarsi dei file contenenti i progetti , e trasmettendoli all'ammiraglia della flotta ribelle, dove li prese la Principessa Leia Organa che dopo parecchie peripezie riuscì a farli pervenire  i piani alla base operativa ribelle su Yavin IV

Studiati i piani, scperto il punto debole, l'alleanza lanciò i suoi squadroni di caccia e caccia bombardieri all'attacco della Morte Nera . Al termine di un feroce combattimento, Luke Skywalker riuscì con l'aiuto della Forza a centrare il condotto di scarico del reattore principale, l'esplosione che ne seguì distrusse praticamente la Stazione Spaziale ed il suo equipaggio.

La distruzione della Morte Nera, inflisse un duro colpo al potenziale bellico dell'Impero, questo fatto, unito all'aumentata attività delle forze Ribelli, spinsero l'Impero alla costruzione di una seconda  Stazione da Battaglia DS-2 che venne utilizzata per attirare la flotta ribelle in una trappola mortale.

L'operazione non riuscì, la seconda Morte Nera venne distrutta ed in essa morirono anche l'Imperatore e Darth Vader , fu l'inizio della fine dell'Impero, le operazioni belliche si trascinarono con alterne vicende per un pò di tempo finchè nella Battaglia di Jakku la Flotta Imperiale venne distrutta.

Descrizione

"Questa non è una luna. E' una stazione spaziale."

Obi-Wan Kenobi

Caratteristiche tecniche e dettagli costruttivi

La Stazione Orbitale da Battaglia DS-1 era di forma sferica, con un diametro di 160 Km, il progetto originario prevedeva un diametro di 120 Km, ma successive modifiche lo portarono a 160.

Era divisa in due semisfere ciascuna divisa in 12 zone, l'emisfero superiore ospita il Superlaser , l'arma capace di distruggere con un solo colpo un pianeta. Sempre nell'emisfero superiore erano situati la plancia di comando, i sistemi di controllo degli armamenti, i sistemi di comunicazione e comando, in poche parole tutto ciò che serve per fare funzionare la stazione.

Nell'emisfero inferiore erano alloggiati tutti gli armamenti offensivi: truppe, mezzi da combattimento, caccia per la difesa e caccia bombardieri, un potentissimo raggio traente alimentato da 750 stazioni, hangar per il ricovero dei mezzi ( poteva ospitare persino Star Destroyer Imperiali )  nonchè depositi di armamenti, viveri, munizioni, ricambi in definitiva tutto ciò che contribuiva al funzionamento della stazione e che la rendeva autonama ed in grado di svolgere qualsiasi tipo di missione senza necessitare di mezzi di supporto sia tattici che logistici. 

La superficie esterna in lastre di Acciaio al Quadanio , era costellata di cannoni laser ( 2500 ), cannoni ad ioni ( 2500 ), torrette turbolaser ( circa 15.000 ), più un'incredibile quantità di antenne, sensori, radar, sistemi di comunicazione e di rilevamento. La cosidetta " crosta  " dello spessore di qualche Km, ospitava tutte le attività  e l'equipaggio della stazione, la parte interna, completamente disabitata, conteneva il reattore Ipermateria , l'Iperguida i motori sub luce, il super laser con tutti i suoi supporti, sistemi di ricarica.

La Morte Nera era costituita da 84 livelli interni, ( secondo altre fonti 357 ) suddivisi ciascuno in 257 sotto  livelli.      All'interno, oltre agli armamenti, alle abitazioni per i soldati e per i passeggeri, c'era di tutto: negozi, parchi, luoghi di divertimento, strutture di servizio. Un'atmosfera confortevole, con il giusto grado di umidità e di temperatura era assicurata da una unità di elaborazione centrale, supportata da diverse sotto stazioni sparse in tutti i livelli, in caso di contaminazione esistevano dei sistemi di scarico, tutti i compartimenti erano dotati di chiusure a guarnizioni magnetiche che assicuravano il completo isolamento e la tenuta stagna tra un compartimento e gli altri.

Armamenti e sistemi di difesa

" L'arma si rivelerà essere la nostra più grande sfida. Il reattore ipermateria, le unità, tutto il resto, sono solo elaborazioni di armamenti che le nostre migliori società di ingegneria sono state in grado di fornire a Star Destroyer e altre navi. Ma l'arma ... l'arma non sarà semplicemente una versione più grande del turbolaser. Sarà qualcosa che deve ancora essere visto. "


-Dr. Gubacher , nel corso di una riunione della Cellula di Consultazione Strategica , 21 BBY

Il sistema d'arma più importante presente sulla stazione era il Superlaser, alimentato dall'energia prodotta da un reattore a ipermateria; l'energia veniva convogliata verso una serie di giganteschi cristalli Kyber ( 8 ), che la amplificavano, veniva poi fatta convergere su una lente che concentrava i raggi e li trasformava in un unico raggio di una tale potenza da poter distruggere un pianeta in un colpo solo.

L'armento secondario consisteva in 15.000 torrette turbolaser, disseminate su tutta la superficie della stazione, 2500 cannoni laser pesanti e 2500 cannoni ad ioni, 768 stazioni per la generazione di raggi traenti completavano l'armamento difensivo. Questo armamento difensivo, imponente sulla carta, in realta aveva un grosso limite:era concepito per opporsi all'attacco di grandi navi da battaglia o addirittura ad una flotta nemica, ma era pressochè inutile contro i piccoli caccia d'attacco, troppo agili, veloci e di piccole dimensioni per essere efficacemente contrastati dalle batterie e per essere agganciati dai raggi traenti . Proiettori di scudi e antenne di comunicazione erano distribuiti su tutta la superficie della stazione.

Per missioni di difesa e di attacco, la stazione disponeva di un gran numero di Caccia TIE , che spesso pattugliavano lo spazio nelle vicinanze della stazione. La DS aveva una massa tale da creare una piccola forza gravitazionale che costringeva i piloti dei TIE a settare i propri velivoli come se stessro volando nell'atmosfera di un pianeta anzichè nello spazio.C'erano sempre venti Caccia TIE pronti al decollo su allarme.

La Morte Nera ositava un equipaggio di 342.953 uomini appartenenti sia all'esercito che alla marina imperiale,25.084 Stormtrooper , più, a seconda della missione in corso fino ad altri 2.000.000 di altri elementi con compiti specifici o di supporto e logistici. Esistevano molti reparti ospedalieri. Era alimentata da un reattore ipermateria situato nel centro della stazione schermato mediante piastre di Doonium e Dolovite a causa delle radiazioni emesse, la schermatura si estendeva anche alla lente di focalizzazione e concentrazione del raggio ed ai componenti del superlaser stesso.

Destinata a funzionare come un mondo a sé stante, la Morte Nera offriva al suo equipaggio livelli di comfort e lussi impensabili in altre navi miltari.

Storia

" Guardate alla storia di ogni specie senziente, cosa vi troverete, scene  di violenza, massacri e soppraffazione. E' suo il dito dipinto sul soffitto delle caverne e sui muri crollati dei templi. Scavate una fossa abbastanza profonda su un mondo qualsiasi e potrete trovare i teschi e le ossa di adulti e bambini fracassate da armi primitive. Tutti noi siamo combattenti prima di essere contadini o allevatori. La violenza è innata nella maggior parte di noi ed è impossibile eliminarne l'impulso, non con un esercito di Stormtrooper nè con una flotta di Star Destroyer. Ecco perchè noi abbiamo imboccato un sentiero che porta ad una soluzione diversa, Noi abbiamo la possibilità di forgiare una pace che duri più a lungo di quanto sia esistita la Repubblica."

- Comandante Orson Krennic  , prima del collaudo operativo del superlaser della Morte Nera  sugli Eroi Gemelli


Origini

  • " I Jedi non devono trovare i nostri progetti per l'Arma Finale. Se scoprono cosa stiamo progettando di costruire siamo condannati. "
  • " Porterò i progetti con me su Coruscant. Saranno molto più al sicuro .....Con il mio Maestro . "

-Poggle il Minore ed il Conte Dooku

The Ultimate Weapon

I piani per la costruzione dell'arma.

Il progetto Morte Nera fu sviluppato su Geonosis presso l'Alveare Stalgasin , controllato da Poggle il Minore , che governava il pianeta con pugno di ferro.

Poggle il Minore doveva la sua ascesa all'appoggio fornitogli da Darth Sidious , il quale mirava tramite Poggle al controllo delle fabbriche d'armi di Geonosis.

Sembra però, a quanto afferma lo stesso Poggle, che i Geonosiani si fossero limitati a sviluppare e perfezionare dei progetti già esistenti consegnati loro dal Conte Dooku. Nella realtà il suo design era tutto incentrato sul contenere il superlaser alimentato da giganteschi Cristalli Kyber; tecnologia studiata millenni prima dai Sith.

Gli enormi costi del progetto furono sostenuti dai principali alleati del Conte: Unione Tecnica , Clan Bancario Intergalattico , Federazione Mercantile e, segretamente, dalla stessa Repubblica; non dimentichiamoci che Darth Sidious era il Cancelliere della Repubblica come Palpatine.

Sia come sia, lo sviluppo della Stazione da Battaglia, venne interrotto dall'inizio delle ostilità, e rimase bloccato per tutta la durata delle Guerre dei Cloni . I progetti vennero portati dal Conte Dooku su Coruscant ed affidati a Darth Sidious.

Nel 21 BBY , dopo la definitiva conquista di Geonosis, Palpatine istitui con 150 persone a lui assolutamente fedeli un gruppo di studio che aveva il compito di terminare la costruzione della stazione, risolvere i problemi tecnici legati alla complessità e relativa " estraneità " della tecnologia impiegata e studiare le tattiche di impiego dell'arma una volta ultimata.

Facevano parte del gruppo: rappresentanti di Corellian Engineering , Kuat Drive Yards , Rendili Stardrive , il capo dei servizi segreti della marina, membri delle forze armate, i membri del consiglio produzione di guerra, ingegneri strutturali, progettisti di astronavi ad elevate prestazioni, fisici teorici e sperimentali quali il Dr. Gubacher , il Prof. Sahali , il Tenente Comandante Orson Krennic , il Vicecancelliere Mas Amedda ed ovviamente il Cancelliere Supremo  Palpatine .

Naturalmente, i Jedi non vennero mai invitati alle riunioni, anzi furono tenuti all'oscuro anche delle parti già completate ritrovate negli Alveari di Geonosis e prontamente occultate.

Tutti i membri del gruppo erano tenuti al più stretto riserbo e prestarono un giuramento di fedeltà. Il finanziamento del progetto fu a carico della Repubblica utilizzando i pressochè illimitati fondi segreti che Palpatine, grazie agli enormi poteri che la Legge sui Poteri Straordinari poteva mettere a sua disposizione.

Per aumentare ancor più la confusione e ingannare eventuali persone che potessero venire a sapere qualcosa o che subdorassero  cosa stava accadendo, venne fatta circolare la voce che la CSI, stesse costruendo una Stazione da Combattimento.

In questo modo la costruzione della stazione potè continuare. Nel 21 BBY venne completata la prima fase della costruzione, fino a questo punto, l'assemblaggio era effettuato da macchine. L'assemblaggio veniva effettuato nello spazio di Geonosis e le macchine venivano controllate da maestranze senzienti sia da terra che da postazioni in orbita .Ora si trattava di finire lo scafo in modo da creare un ambiente in cui potessero operare operai senzienti oltre ai droidi. Venne perfino richiesto ai Kaminoani di sviluppare un tipo di clone particolarmente studiato per operare nello spazio profondo.

Krennic negoziò, senza chiedere nessuna autorizzazione , un accordo con Poggle il Minore, se questi avesse collaborato con la Repubblica, avrebbe riavuto il potere su Geonosis, i propri operai e avrebbe lavorato alla costruzione della stazione. Invece di essere punito per aver agito senza autorizzazione,  Krennic venne premiato e posto a capo della Sezione Ricerca Armamenti Avanzati , di fatto assunse il controllo della costruzione della Morte Nera.

Orson Krennic non era un granchè come scienzato, ma era un abilissimo intrallazzatore, Cinico, spietato e disposto
Poggle give plans to dooku

Poggle il Minore passa i piani della Morte Nera a Dooku.

a tutto pur di raggiungere i propri obiettivi, colse l'occasione per entrare nelle grazie di Palpatine ed accedere ad incarichi di alta responsabilità.

Le condizioni di lavoro erano pessime e Poggle pretendeva sempe di più, gli operai Geonosiani , cominciarono a morire. Nel 19 BBY , l lavoratori si ribellarono ed in poco tempo distrussero il lavoro di mesi. Nella realtà, tutta la faccenda era stata organizzata da Poggle stesso  per poter fuggire da Geonosis a bordo di una navetta, pesantemente modificata e potenziata dai suoi operai e far perdere le proprie tracce.

Quello stesso anno terminarono le  Guerre dei Cloni, la CSI fu sconfitta, l'Ordine Jedi venne distrutto, Palpatine si liberò di tutti i suoi avversari, dei suoi scomodi alleati ed anche del proprio apprendista, il Conte Dooku, acquisendone uno nuovo, Anakin Skywalker , che divenne Darth Vader ed uccise i leader della CSI nascosti su Mustafar , compreso Poggle. Palpatine proclamò la nascita dell'Impero Galattico e ne divenne l'Imperatore ; il suo piano aveva funzionato perfettamente, l'Impero Sith era rinato come Impero Galattico .

Era Imperiale

  • " Wilhuff, sono vere le voci? " 
  • " Quali voci? E perché stai sussurrando? " 
  • " A proposito di una stazione da battaglia mobile. Un'arma che potrebbe- " 
  • " Questo non è certo il posto per le discussioni di questo genere. "

Nils Tenant a Wilhuff Tarkin

Il progetto della stazione venne subito preso in carico dal nascente Impero. Vennero messe in atto nuove procedure
Construction of the Death Star

Darth Sidious e Darth Vader osservano la costruzione della Morte Nera.

di sicurezza: l'accesso a Geonosis venne limitato al personale strettamente necessario, pochissimi alti funzionari ed ufficiali erano a conoscenza del progetto, e dei pochi che sapevano, molti erano convinti che fosse impossibile arrivare alla realizzazione; la chiamarono la "Follia di Tarkin".

Vennero " arruolati " i migliori scienziati e progettisti per contribuire alla costruzione della mega arma, tra questi anche l'architetto e designer Tiaan Jerjerrod e molti altri.

Nonostante molti progettisti abbiano cercato di rivendicare la paternità della stazione, nella realtà tutte le idee, sia dal punto di vista tecnologico che etico morale, erano frutto di un ristretto gruppo di pensiero, ad ogni modo, solo l'imperatore era a conoscenza della vera storia della Morte Nera.

Subito dopo la proclamazione dell'Impero, l'Imperatore Palpatine e Darth Vader si recarono in visita al cantiere della stazione. Si stava sviluppando, nel frattempo, una sordida contesa tra Wihuff Tarkin ed Orson Krennic per il controllo della totalità del progetto. Krennic, per acquisire la benevolenza dell'Imperatore, convinse con l'inganno il suo amico di lunga data Galen Erso , specialista dell'utilizzo dei cristalli Kyber, a lavorare al programma Progetto Potenza Celeste . Nominalmente tale progetto avrebbe dovuto fornire energia sostenibile ai pianeti danneggiati durante le Guerre dei Cloni, in realtà i cristalli servivano per dare potenza al Superlaser della Morte Nera. Inoltre con l'aiuto di  Has Obitt , nascose armi e materiale bellico in pianeti legalmente esenti da sfruttamento come: Samovar , Waidi Rafa ed altri, ricchi di depositi di Doonium e Dolovite , in modo che una volta " accidentalmente " scoperte le armi, per impedire che cadessero nelle mani dei Ribelli , avrebbe potuto presidiarli e sfruttarli, acquisendo meriti nei confronti dell'Imperatore e ottenere così la supervisione del progetto Morte Nera e la promozione a contrammiraglio.

Tarkin era covinto che il comportamento di Krennic facesse il suo gioco, screditando l'avversario, da parte sua fece di Krennic il capro espiatorio di ogni intoppo, ogni ritardo, ogni contrattempo si verificasse e procurò che l'Imperatore ne fosse ben cosciente.Tarkin era convinto che solo a lui toccasse la supervisione del progetto. Krennic non era da meno, sembra che nel 18 BBY abbia orchestrato una rivolta nel cantiere.

I primi collaudi dei componenti non furono un grande successo, anzi, i collaudi al banco prova, causarono la distruzione di un'intera città su Malpaz , il superlaser fu assemblato e calibrato su Hypon e successivamente montato su un Star Destroyer classe Imperial, per un primo collaudo, i risultati furono oltremodo deludenti, l'energia emessa dal superlaser risultò inferiore a quella delle batterie di uno Star Destroyer.

585381aedd08954c208b45a0-2048

Galen Erso fu tra i progettisti della Morte Nera.

Fu in questo momento che Galen Erso , divenne di importanza fondamentale. Erso era il massimo esperto di cristalli Kyber di tutta la galassia , per oltre un anno lavorò senza soste per sviluppare la tecnologia dei cristalli,tutte le altre divisioni di sviluppo armamenti dipendevano dalle sue ricerche; era convinto di lavorare ad un progetto per fornire energia a prezzi irrisori ai pianeti distrutti dalla guerra, ma ben presto cominciò a sospettare che le cose non stessero così. Svolse delle indagini con discrezione e ben presto scopri con orrore che le sue ricerche erano finalizzate alla costruzione di una super arma. 

Sentendosi tradito nei propri ideali e deluso ed amareggiato per il tradimento di Krennic, che considerava amico, prese contatto con uno dei primi gruppi di ribelli che cominciavano a formarsi nella galassia, quello guidato da Saw Gerrera . Con il suo aiuto, riusci con la moglie Lyra e la figlia Jyn Erso a fuggire dai laboratori del Progetto Potenza Celeste ed a rifugiarsi sul pianeta Lah'mu , nella speranza che Krennic non riuscisse a trovarli.

Quest'ultimo smacco, provocò la fine delle ambizioni di Krennic, almeno per un certo tempo, infatti fu retrocesso a Tenente Comandante mentre Wilhuff Tarkin divenne il supervisore del progetto Morte Nera.

La costruzione continua...

  • " L'Orlo Esterno è sovrinteso da te e,  con esso,  Grand Moff Tarkin, l'insieme del progetto della stazione da battaglia mobile. " 
  • " Io non la deluderò . " 
  • " Sarà una responsabilità importante. Una volta che la stazione da battaglia sarà completamente operativa, dovrai esercitare il potere supremo nella galassia. " 
  • " Non credo che sarà mai necessario, mio signore. "

- Imperatore Palpatine e Wilhuff Tarkin 

La costruzione della stazione, continuò nella massima segretezza nell'orbita di Geonosis, per diversi anni, con il massiccio impiego di lavoratori schiavi, tra i quali numerosi Wookiee  ; numerosi impianti di produzione come quello su Riosa furono sequestrati dall'Autorità Imperiale, molti lavoratori furono deportati sull'Orlo Esterno per incrementare la produzione di componenti per la stazione da battaglia. Il cantiere, in posizione geo stazionaria nell'orbita di Geonosis era sorvegliato da 4 Star Destroyer e da 8 fregate.Nonostante molti componenti, tra cui alcuni dispositivi di Iperguida fossero stati installati e testati, la stazione era ben lungi dall'essere pronta al trasferimento a Scarif per completare la messa a punto.

Molti avamposti costruiti durante la guerra, la Stazione Rampart e la Stazione Desolazione ad esempio, abbandonati alla fine delle ostilità, vennero resi operativi ed usati sia per la difesa del cantiere, sia come depositi di materiali intermedi, di modo da rendere difficoltoso capire la destinazione finale dei materiali provenienti da ogni angolo della galassia . Tutto il sistema era molto complesso e di difficile gestione. Per cercare di rendere l'organizzazione più efficiente Wilhuff Tarkin ne assunse la supervisione, esautorando il Viceammiraglio Dodd Rancit ,ma la cosa non migliorò affatto, anzi dopo pochi anni tutte le centinaia di avamposti di allarme e stoccaggio materiali erano pressochè bloccati dalla burocrazia, dall'incompetenza, dall'inefficenza e dalla corruzione.

Uno dei motivi più importanti causa di tale situazione era la necessità di mantenere la segretezza dell'operazione. Era prassi normale, ad esempio che chi organizzasse la spedizione di un carico, non ne sapesse né la destinazione né il tempo di consegna , né l'itinerario; chi doveva ricevere non sapeva la provenienza dei materiali, i tempi e così via; se a ciò aggiugiamo i sempre più frequenti e organizzati raid delle forze Ribelli, che cominciavano ad essere ben più che un fastidio, la continua ingerenza dei servizi segreti a caccia di spie, delatori o traditori, la mancanza di responsabilità oggettiva anche nei più alti gradi ( in fin dei conti l'unico che sapeva tutto e che aveva la responsabilità era l'Imperatore ) rendevano tutta l'organizzazione un incubo sia logistico sia amministrativo.

Oltre a ciò, sempre più scienzati e tecnici insoddisfatti sia del lavoro, sia delle condizioni di lavoro che dalle restrizioni imposte dallo stato di segretezza, abbandonavano il progetto, alcuni per unirsi ai dissidenti, altri per unirsi ai Ribelli, ma molti per scomparire tra le migliaia di pianeti dell'Orlo Esterno .

Le azioni dei ribelli, divennero con l'andar del tempo sempre più numerose, incisive e devastanti, arrivando persino ad attaccare stazioni e basi molto vicine a Geonosis, ed a rubare la nave personale di Tarkin, la Carrion Spike , che poi utilizzarono per attacchi ai pianeti dell'Orlo Esterno. Naturalmente aumentarono sia i controlli che le rappresaglie, coinvolgendo ufficiali di grado sempre più elevato e contingenti di truppe sempre più importanti fino allo stesso Darth Vader . In questa situazione il completamento e l'utilizzo operativo della Stazione da Battaglia era sempre più urgente. Era pensiero comune tra i responsabili dell'Impero che la potenza della Morte Nera avrebbe inibito le capacità offensive dei ribelli in special modo se avessero avuto modo di sperimentarla sulla propria pelle e su quella dei loro cari.

Ormai, in molti, nella galassia, sapevano che su Geonosis si stava costruendo qualcosa, pochissimi sapevano cosa e tra questi non figurava nessun Ribelle, questo grazie in particolar modo agli sforzi di Tarkin per impedire qualsiasi fuga di notizie. Per i suoi meriti e per la sua fedeltà, l'Imperatore lo promosse al grado di Gran Moff e gli concesse oltre alla supervisione dell'intero progetto, il controllo dei pianeti dell'Orlo Esterno.

Nel frattempo la costruzione continuava, vennero montati e testati i Motori Subluce

Krennic death star

Orson Callan Krennic con le sue Death Trooper.

La segretezza di ciò che avveniva su Geonosis stava per essere compromessa; il gruppo dei Ribelli di Lothal aveva attaccato e distrutto un convoglio che trasportava cristalli Kyber, lo stesso gruppo riuscì a sfuggire ad un'imboscata tesa dall'Agente Imperiale  Kallus , il capo di un altro gruppo di ribelli, Saw Gerrera , arrivo vicinissimo alla scoperta della Morte Nera. 

Fu deciso così di spostare la Stazione da Battaglia su Scarif, dove il direttore degli impianti produttivi, Orson Krennic l'avrebbe protetta con i suoi Death Trooper . Krennic, nel frattempo era riuscito a rintracciare Galen Erso  a riportarlo al cantiere e costringerlo a collaborare, nel corso della missione la moglie di Erso era stata uccisa ma la figlia Jyn fu salvata da Saw Gerrera.

Prima però, allo scopo di mantenere la segretezza, l'intero popolo Geonosiano fu spazzato via, il pianeta venne sterilizzato.


Conpletamento e dimostrazione

" Questa stazione è ora il potere definitivo nell'universo "

-Ammiraglio Conan Antonio Motti

Dopo uno sviluppo molto più lungo del previsto a causa dei numerosi problemi insorti e dei continui ritardi dovuti alla
DeathStarLaserConstruction

Il Superlaser della Morte Nera viene installato.

complessità della logistica ed ai numerosi attacchi dei Ribelli alle vie di comunicazione, la stazione, denominata Morte Nera, era pronta. Erano passati più di vent'anni dal momento della concezione dell'idea, ma ora era tutto pronto.

La Morte Nera venne equipaggiata di tutto punto, gli equipaggi, sia della stazione che dei velivoli di difesa e attacco vennero assegnati; tronfio del successo, Krennic si recò da Tarkin per comunicare che la Morte Nera era pronta per il collaudo operativo, cioè a distruggere un pianeta. Tarkin però non aveva molta fiducia nell'operato di Krennic e di conseguenza delle effettive capacità della Morte Nera, così ordinò che venisse distrutta solo la Jedha City ,su Jedha ,  un solo colpo di Superlaser alla minima potenza e Jedha City ed il territorio che la circondava, furono trasformati in polvere, assieme a tutti coloro che vi si trovavano.

Rogue One A Star Wars Story - Jedha City Destruction

Rogue One A Star Wars Story - Jedha City Destruction

Fu in questa occasione che Saw Gerrera e tutta la sua banda di Partigiani trovarono la morte.

Il fatto non passò inosservato, anzi fu la stessa autorità imperiale a svelare l'esistenza della Morte Nera, pur non scendendo nei dettagli.

In realtà, l'Alleanza Ribelle era già stata infomata. Galen Erso, pur essendo costretto a collaborare con gli Imperiali, aveva cercato il modo di neutralizzare la Morte Nera, aveva progettato uno scarico del reattore che affiorava senza protezioni sulla superficie della stazione, una minima quantità di esplosivo che fosse entrata nello scarico, sarebbe arrivata dritta al reattore, innescando una reazione fatale; aveva costruito il tallone d'Achille della Stazione da Battaglia, il problema vero però consisteva nel comunicarlo ai Ribelli e che questi gli credessero.

Un giorno conobbe un pilota di cargo spaziali, Bodhi Rook , che accettò di far pervenire il messaggio ai ribelli, questi però non si fidavano in quanto Erso risultava essere uno scienzato imperiale.

Dopo varie peripezie la figlia di Erso, Jyn , con una squadra di soldati sbarcò su Scarif, si impadronì dei file di
Jyn-erso-scarif-deathstar-sky

Jyn Erso su Scarif.

progetto della Morte Nera e riuscì a trasmetterli alla nave ammiraglia della Flotta Ribelle pochi istanti prima che Tarkin desse ordine di distruggere la citta d Scarif e gli archivi in essa conservati.

L'Ammiraglio Raddus , comandante della Flotta Ribelle consegnò i piani alla Principessa Leia Organa che con la sua nave si diresse alla volta di Yavin IV , sede del Comando Ribelle, il tutto pochi attimi prima che Darh Vader attaccasse ed abbordasse la Tantive IV .

Resosi conto che i piani non erano più a bordo, a Vader non restò altro da fare che lanciarsi all'inseguimento della Principessa Leia.

L'inseguimento riuscì, l'ammiraglia di Vader, aggangiò con un raggio trattore la nave di Leia, traendola a bordo. Nei pochi istanti a disposizione Leia riusci a caricare i file nel Droide Astromeccanico R2-D2 con un messaggio per Obi-Wan Kenobi , poi con una capsula di salvataggio lo mandò sul pianeta più vicino, Tatooine .

Leia fu imprigionata ed interrogata, ma non cedette, Tarkin decise allora di tentare un altro approccio, diresse la Morte Nera nei pressi di Alderaan , pianeta natale della Principessa e minacciò di distruggerlo nel caso ella non fornisse informazioni sull'ubicazione della Base Ribelle.

Leia finse di cedere e indicò il pianeta Dantooine come sede della Base dei Ribelli, Tarkin in spregio alla parola data
Death Star Destruction Of Alderaan 1977 Vs 2011

Death Star Destruction Of Alderaan 1977 Vs 2011

e per dare una dimostrazione della potenza della Morte Nera, ordinò la prosecuzione dell'attacco. Pochi istanti e Alderaan non esisteva più; non ci furono superstiti.

Nel frattempo, ricevuto il messaggio, Obi-Wan Kenobi , Luke Skywalker ed Han Solo riuscirono a liberare la Principessa ed a scappare; in realtà la loro fuga era stata facilitata dalla morte di Kenobi, e dallo stesso Vader, il quale piazzato un segnalatore sul Millennium Falcon , li stava seguendo con la Morte Nera deciso a porre fine alla ribellione in modo definitivo.


Distruzione

" Evacuare ?  Nel momento del nostro trionfo ?  Io penso che voi abbiate sopravvalutato le loro possibilità "

- Gran Moff Tarkin


" Gran tiro ragazzo, questo è stato uno su un milione "

- Han Solo a Luke Skywalker

Giunta su Yavin IV Leia consegnò i file con i piani costruttivi della Morte Nera al comando dell'Alleanza Ribelle, dove l'esperto di tattica Jan Dodonna si mise subito a studiarli, e scoprì il punto vulnerabile della stazione. Nel frattempo, seguendo il segnale del rilevatore installato sul Millennium Falcon, la Morte Nera giunse nel Sistema di Yavin . Vista la portata della minaccia ed il poco tempo disponibile prima dell'attacco della Stazione da Battaglia, il comando Ribelle decise di lanciare un attacco immediato.

La Morte Nera non era in vista del bersaglio, ma lo sarebbe stata in pochi minuti, quando si scatenò l'attacco dei
TarkinBattleOfYavin

Tarkin sulla Morte Nera, poco prima della sua morte.

caccia ribelli, fu subito palese che le difese esterne: cannoni laser, turbolaer, cannoni ionici non erano in grado di fermare l'attacco dei caccia stellari T-65B X-Wing  , essi infatti erano dei bersagli troppo piccoli e troppo agili per quel tipo di difese. Furono lanciati quindi tutti i Caccia TIE disponibili e le sorti della battaglia sembrarono volgere a favore degli Imperiali. Segui una serie di combattimenti sempre più caotici e selvaggi, finchè un gruppetto di caccia X-Wing, guidati da Luke Skywalker , riusci a mettersi sul sentiero d'attacco e due siluri protonici lanciati dallo stesso Luke, non centrarono la luce del condotto di scarico e penetrarono fino al reattore esplodendo; pochi istanti prima che il Superlaser sparasse a sua volta.
Morte nera esplosione

La distruzione della Morte Nera.

I siluri esplodendo nel reattore innescarono una reazione a catena che distrusse la Morte Nera e tutto il suo equipaggio, ad eccezione di Darth Vader , che essendo all'esterno si salvò allontanandosi con il caccia danneggiato.

Nelle ore caotiche che seguirono, mentre i ribelli dopo aver giustamente celebrato la vittoria, si preparavano ad abbandonare la base in previsione del sicuro attacco della flotta imperiale, nella galassia cominciavano a circolare voci sempre più insistenti della distruzione della Morte Nera. Il Comando della Flotta Imperiale dopo numerosi quanto infruttuosi tentativi di mettersi in contatto con la stazione, decise di mandare un Incrociatore classe Gozanti per capire cosa fosse accaduto; l'incrociatore non potè far altro che recuperare Darth Vader intrappolato nel suo caccia TIE x1 advanced  e confermare la veridicità delle notizie.  


Cosa successe poi.....

"  Guardo lo stato dell'Impero e penso, quanti Super Star Destroyer avremmo potuto costruire con le risorse che abbiamo gettato nella Follia di Tarkin ? "

- Gran Generale Cassio Tagge

La distruzione della Morte Nera ad opera dell'Alleanza Ribelle fu un duro colpo per l'Impero, non solo per la perdita in sè, non solo per la decimazione operata nel Comando della Marina e dell'Esercito Imperiali,( basti pensare a quanti alti ufficiali, scienziati e tecnici di altissimo livello figuravano tra le vittime ), non solo per la perdita di prestigio presso popolazioni che mal sopportavano il giogo imperiale ma che fino a questo momento avevano ritenuto di non avere nessuna chance di vittoria, ma perchè dimostrava che l'Alleanza Ribelle non era una accozzaglia di canaglie insofferenti all'Autorità, ma bensì un soggetto politico militare con il quale si doveva misurasi alla pari, impiegando tutte le risorse disponibili.

Nonostante i tentativi di sminuire il successo della ribellione, nonostante Darth Vader mandasse in regalo pezzi di Alderaan ai governi dei pianeti più riottosi, tanto per ricordare la potenza distruttiva dell'Impero, l'Imperatore si rese conto che ormai si doveva combattere una Guerra Civile Galattica e che si doveva combattere con uomini diversi da quelli che aveva ora.

Adducendo la motivazione di punire i responsabili della sconfitta, l'Imperatore ordinò l'eliminazione di un gran numero di autorità civili e militari, come ad esempio il ministro Khemt e il Moff Coovern , accusati di imperizia, incompetenza o peggio di tradimento e connivenza con il nemico. 

Fu così che il Generale Cassio Tagge fu promosso a Gran Generale , soprattutto per le critiche che aveva sempre rivolto alla strategia di Gran Moff Tarkin e per aver messo in discussione l'invulnerabilità della Stazione da Battaglia. Si decise di iniziare immediatamente la costruzione di una seconda Morte Nera , DS2 ( Death Star 2 ) molto più grande, molto più potente, meno vulnerabile, destinata ad essere impiegata in modo diverso, non come arma totale, non come un Deus ex Machina, ma come un moltiplicatore di forze, da usare non isolatamente ma di concerto con la pianificazione strategica della Flotta Imperiale.L'Imperatore approvò tale strategia e la DS2 fu costruita.

Alcuni anni dopo,poco prima della Battaglia di Jakku , la Principessa Leia, salvò i resti della Morte Nera dalla demolizione, cui erano stati destinati dal senato della Nuova Repubblica , e li donò alla Flotta di Alderaan che li utilizzo per costruire una stazione spaziale sulle rovine di Alderaan .




Il cerchio si chiude, la tragedia è finita, i leoni hanno divorato il domatore, lasciamo che la polvere si posi.


Gateling ai suoi quattro lettori.

Gateling (discussioni) 23:01, mar 7, 2017 (UTC)




.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.